“Monolith”, l’assalto di Sky al grande schermo tra filosofia e fantascienza

Girato negli Usa, esce il 12 ed è il titolo-sfida della produzione italiana. Si basa su un soggetto di Recchioni
“Monolith”, l’assalto di Sky al grande schermo tra filosofia e fantascienza

Una giovane madre, un bimbo sui due anni e un’automobile praticamente perfetta. Si chiama Monolith, vanta una tecnologia indistruttibile, superaccessoriata e iperprotettiva verso chi ne è all’interno, e naturalmente dialogante per intelligenza artificiale. Laddove la macchina è infallibile, il fallibile essere umano è in grado di ribaltarne le funzioni di sicurezza in meccanismi-trappola. Così accade […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.