Momo è diventato il mostro della porta accanto

Romain Gary. Lo scrittore aveva scelto lo stesso nome dello stragista di Nizza per il suo protagonista
Momo è diventato il mostro della porta accanto

Momo, come si faceva chiamare l’attentatore di Nizza, è il classico nomignolo degli emigrati o figli di emigrati maghrebini. Una versione confidenziale di Mohamed. Il nome del Profeta ma anche quello del protagonista del primo romanzo sulla banlieue multietnica, La vita davanti a sé, di Romain Gary. È ormai un classico, un long seller anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.