Molto ben fatto il Papa buddhista di Sorrentino

I registi europei diffidano delle serie tv, non senza qualche ragione; Paolo Sorrentino no, per lui debuttare nella narrazione extralarge è stata davvero una nuova frontiera dell’autorialità; per dirla in termini calcistici, The Young Pope è stato il suo uomo in più, ha legittimato l’Oscar vinto con La grande bellezza. Dopo avere visto la conclusione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.