Molestie, il puritanesimo Usa ora punta al bersaglio Trump

I democratici scaricano il promettente senatore Al Franken e non esitano a bruciare i loro uomini migliori per marcare una diversità morale dai Repubblicani e alzare la temperatura etica della nazione, pensando al 2020

Aggiungendo simboli a simboli, bisogna partire dalla constatazione che il senatore democratico Al Franken, che ha appena annunciato le dimissioni dal seggio a Washington a seguito delle accuse mosse da una mezza dozzina di donne per molestie sessuali (da lui negate), col suo gesto ha chiuso il cerchio dell’emergenza nazionale che ha investito l’America. Perché […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.