“Mio figlio ormai sogna i cattivi” “Siamo nelle mani di nessuno”

Nulla più è come prima - La vita quotidiana sospesa degli italiani che lavorano con la Ue
“Mio figlio ormai sogna i cattivi” “Siamo nelle mani di nessuno”

Gli attentati hanno cambiato la vita dei brussellesi – quelli di nascita e i molti o moltissimi di adozione che ci lavorano. In pochi minuti si è polverizzata la normalità quotidiana di Bruxelles. Forse per sempre. “Ci siamo svegliati vedendo dai social media quello che stava succedendo all’aeroporto”, racconta Alberto, 36 anni romano, funzionario della […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.