Minzo si dimette, ma il Senato deve votare (in segreto)

Vecchie abitudini - ”Per prassi” la prima volta ci si pronuncia contro Così i mesi passeranno. Il Pd: “Stavolta il gruppo dirà sì all’ addio”
Minzo si dimette, ma il Senato deve votare (in segreto)

Negli uffici di Palazzo Madama a qualcuno è scappato un sorriso: “È arrivata!”. Ieri mattina si è materializzata la lettera di dimissioni del senatore Augusto Minzolini. Era stata evocata dal diretto interessato già a giugno, ai tempi del dibattito sulla sua decadenza in Giunta. Poi è diventata oggetto delle quotidiane annunciazioni del Direttorissimo, prima e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.