Mimmo Jodice, antropologia su grande schermo

Il Madre ospita fino al 16 ottobre “Attesa, 1960-2016”, prima, esauriente retrospettiva dedicata a uno dei maestri della fotografia contemporanea
Mimmo Jodice, antropologia  su grande schermo

Su un grande monitor, immersi nel buio, una fotografia in bianco e nero dietro l’altra. Dittici dolenti e accostamenti stranianti in dissolvenza, dalle quali emerge un mondo (un’antropologia di quel presente), certamente ai tempi (dai primi Anni 60 alla fine dei 70) esclusivamente partenopeo, sofferente e povero, dilaniato davanti ad architetture fatiscenti, stretto nelle cinghie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.