Militari e giudici, Erdogan lancia la grande purga

Il presidente parla a Istanbul puntando il dito sui responsabili del mancato golpe, fra cui due generali, ed evoca la pena di morte

Come in un film di serie B dalla sceneggiatura scontata, la notte dei lunghi coltelli in Turchia ha riservato sangue, sudore e qualche brivido, per poi vedere, spuntato il sole, il “sultano” Recep Tayyip Erdogan riprendersi la scena. È lui il vincitore: nel suo primo discorso a Istanbul dopo il raid dei ribelli promette vendetta […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.