Milano gatta frettolosa. Non sempre far presto vuole dire far bene

Per anticipare le stagioni teatrali, i palcoscenici piazzano festival in apertura: mentre è folgorante la pièce dei Maniaci d’Amore, tutto il resto è paradossale e inverosimile
Milano gatta frettolosa. Non sempre far presto vuole dire far bene

Nel suo romanzo d’amore per la città, M. Una Metronovela (Einaudi), Stefano Bartezzaghi scrive che Milano ha l’ansia da “pre-stazione”, ovvero ha paura di perdere il treno, e “non è affatto veloce. Ha fretta. Milàn, col cœur in man. Vi immaginate l’ansia di tenere in mano un cuore? Vivo?”. Sarà allora imputabile alla fretta e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.