Migranti: non proprio tutti fuggono dalle guerre

  Caro Furio Colombo, ci sono due luoghi comuni sui migranti e i relativi doveri di difesa o accoglienza. Uno è accettare qualunque profugo perché è sempre qualcuno scampato a una strage o a una guerra. L’altro è che, come è sempre stato nei secoli, la chiave dell’emigrazione è il tentare di spostarsi dal peggio […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.