Migrante ucciso, il 43enne resta in cella: “Mirava a tutti e tre”

Migrante ucciso, il 43enne resta in cella: “Mirava a tutti e tre”

I morti dovevano essere tre. È quanto emerge dall’indagine della Procura di Vibo Valentia sull’omicidio di Soumayla Sacko, il 29enne del Mali attivista sindacale della Usb ucciso sabato sera. “Ci sparava addosso, prendeva la mira”, ha raccontato uno dei due migranti sopravvissuti. Antonio Pontoriero, il 43enne di San Calogero fermato giovedì dai carabinieri che, rimarrà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.