Metro C, corsa contro il tempo. Ma quasi tutto resterà impunito

L’elenco delle vergogne coperte dalla prescrizione. La Procura di Roma attivata solo nel 2014 per uno scandalo iniziato dieci anni prima
Metro C, corsa contro il tempo. Ma quasi tutto resterà impunito

La storia della Metro C di Roma è uno scandalo di proporzioni gigantesche che non avrà mai una sanzione giudiziaria. Se gravi reati sono stati commessi sono tutti prescritti. La Procura di Roma, attivata nel 2014 dal segretario dei Radicali italiani Riccardo Magi, dal sindaco Ignazio Marino e dall’assessore alla Mobilità Guido Improta, può occuparsi […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.