Memorie di Lacenaire, tagliagole etico e romantico

Parola all’imputato: “Caro pubblico, le mie ultime stravaganze hanno eccitato a tal punto la tua curiosità, che ti sei messo alla ricerca del minimo episodio che mi riguardi”. Così, nel 1835, inizia il processo mediatico al più eccentrico farabutto dell’epoca: Pierre-François Lacenaire, aspirante serial killer con velleità letterarie, autore delle raffinate Memorie di un poeta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.