Memorie delle puttane perseguitate dal Ventennio

Memorie delle puttane  perseguitate dal Ventennio

La resistenza antifascista è femmina. Sono oltre 5000 mila le donne iscritte nelle carte del Casellario Politico Centrale, anagrafe delle persone considerate pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica durante il ventennio. Tra loro molte prostitute. Perseguitate, confinate o rinchiuse in cliniche psichiatriche perché “ebeti e pericolose”. Lo dimostra Puttane antifasciste nelle carte di polizia, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.