Meglio un sostegno progressista che lepenista al governo Di Maio

Meglio un sostegno progressista che lepenista al governo Di Maio

L’analisi di Pier Luigi Bersani, unita ai ripetuti richiami grillini di Michele Emiliano, offre tre elementi nuovi in questa lunga palude che precede le Politiche del 2018. Il primo prende atto che quei milioni di voti persi dal Pd in questi anni si collocano in due grossi bacini: l’astensionismo e il M5s. L’apertura di Bersani, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.