“Mediatori ’ndranghetisti nella curva juventina”

“Mediatori ’ndranghetisti nella curva juventina”

Un incontro tra ‘ndranghetisti per dirimere una lite tra ultras della Juventus. Da una parte un uomo della cosca Pesce di Rosarno, Saverio Dominello, dall’altra un appartenente alle famiglie di Gioiosa Jonica insediate a Torino, Renato Macrì. L’obiettivo: risolvere senza violenza il dissidio sorto tra due irriducibili bianconeri, Rocco Dominello, esponente dei “Drughi” e poi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.