Mdp corteggia Renzi e si becca il diktat: “Rosatellum o niente”

I renziani respingono l’avance di Speranza: “La legge elettorale al Senato non cambia”
Mdp corteggia Renzi e si becca il diktat: “Rosatellum o niente”

Il dialogo si apre all’improvviso dopo mesi di livore reciproco, ma dura poche ore. Roberto Speranza, leader del partito nato dalla scissione dal Pd (Mdp-Articolo 1), propone a Matteo Renzi di incontrarsi e discutere. La base della trattativa, spiega Speranza in un’intervista a Repubblica, è “cambiare la legge elettorale e la legge di stabilità”. I […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.