Mazzette e petrolio: il flirt con Daesh del colosso Lafarge

L’azienda ha versato 500 mila dollari ai jihadisti per acquistare greggio e proteggere l’impianto in Siria
Mazzette e petrolio: il flirt con Daesh del colosso Lafarge

Aveva stretto un patto col diavolo. Tra luglio 2012 e settembre 2014 la filiale siriana di Lafarge, colosso del cemento, stando a un rapporto della società di consulenza Baker McKenzie realizzato per la stessa Lafarge, avrebbe versato più di 500 mila dollari ai terroristi, tra cui l’Isis, pur di mantenere in attività la fabbrica di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.