May dire Johnson. Tutti contro Boris il grande gaffeur

L’alfiere della Brexit non piace neanche in patria per via dei modi troppo spicci, come quando chiamò gli africani “negretti”
May dire Johnson. Tutti contro Boris il grande gaffeur

Parte aggressiva e vira fortemente a destra. Theresa May dà un taglio netto al conservatorismo moderno dei quarantenni e “in un bagno di sangue” decapita tutti i ministri (a parte due) di stretta osservanza cameroniana. Nel rimpasto governativo presentato ieri la testa più pesante a cadere è quella di Michael Gove, l’ex ministro della Giustizia. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.