Maxxi, il flop inevitabile del museo dei privilegi

La struttura romana controllata dall’ex ministro Giovanna Melandri organizza sempre più mostre ed eventi, ma non si riesce neppure a sapere quanti sono i visitatori paganti, forse meno del 25% di quelli totali

In un corsivo sul Corriere della Sera Vincenzo Trione, direttore del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia, ritenendo il Maxxi “struttura incompiuta e irrisolta che assorbe ingenti risorse pubbliche”, si aspetta dal ministro Dario Franceschini “responsabilità e rigore smantellando un’intollerabile impalcatura di privilegi”.L’attesa è fondata. L’autonomia ai grandi musei statali rimette in discussione la scelta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.