“Matteo Renzi”, l’app che non serve a nulla

“C’è un’app praticamente per tutto”, diceva uno slogan della Apple, profetizzando il gaio totalitarismo a cui la casa di Cupertino avrebbe sottoposto le nostre vite e sinapsi. “Per trovare un taxi, c’è una applicazione. Per raddrizzare una mensola: anche per questo c’è una applicazione”. Ma mai Steve Jobs, per quanto visionario, avrebbe immaginato che c’è […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.