Matteo e i suoi fratelli: quando anche il Pd sparava sui nominati

Il segretario ha più volte condannato i “coptati” in Parlamento e con lui anche il fido Richetti e altri
Matteo e i suoi fratelli: quando anche il Pd sparava sui nominati

Settembre 2011, Matteo Renzi è ancora sindaco di Firenze e firma per indire il referendum che abolisca il Porcellum. In questa occasione si lascia andare a una lunga riflessione sulla legge elettorale: “È evidente – diceva – che le persone che stanno ora in Parlamento sono interessate a tutto tranne che a risolvere il problema […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.