“Mattè, lascia il treno e cammina. E prima o poi torno anch’io…”

Fu il primo candidato sulle rotaie, oggi consiglia il suo emulo dem: “Vada a piedi, alemeno incontra un po’ di gente”. L’ex leader ripudia il “figlio” Renzi: “Troppi selfie. Gentiloni parla meno, ma sa gestire il potere”
“Mattè, lascia il treno e cammina. E prima o poi torno anch’io…”

“La politica deve ritrovare la fatica fisica. Più del treno io userei i piedi”. Francesco Rutelli vorrebbe che Matteo Renzi per emendarsi agli occhi degli italiani intraprendesse per la campagna elettorale una versione ridotta ma nostrana della via Francigena. O anche pellegrino tra gli sfortunati, viandante tra gli ultimi. Ti prendi qualche pernacchia e qualche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.