“Mattarella e i boss, rifare il processo”

Nel 1973 - Danilo Dolci fu condannato per diffamazione del padre dell’attuale Presidente
“Mattarella e i boss, rifare il processo”

Con una sentenza che fece discutere l’Italia, il 7 luglio 1972, la Corte d’appello di Roma condannò il sociologo Danilo Dolci e il suo allievo Franco Alasia per aver diffamato l’allora ministro Bernardo Mattarella (nella foto) e il deputato Calogero Volpe, notabili della Dc siciliana, con l’accusa di rapporti con Cosa Nostra contenuta in un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.