Mattarella avverte i dioscuri: sarà lui il vero contropotere

Irrituale - Il capo dello Stato si fa Napolitano e, celebrando Einaudi, esplicita come userà i suoi poteri: controllo su ministri, leggi e vincoli internazionali
Mattarella avverte i dioscuri: sarà lui il vero contropotere

Nel delicato minuetto che è la politica al Quirinale, ogni segnale è rivelatore. Figurarsi se il presidente della Repubblica che voleva essere “arbitro e non giocatore” (sottotesto: mica come Napolitano…) si riscopre un po’ Re Giorgio anche lui. Sergio Mattarella, infatti, ieri se n’è andato a Dogliani a ricordare Luigi Einaudi e ne ha approfittato […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.