Massacro di Orlando, familiari di vittime contro i social media

Massacro di Orlando, familiari di vittime contro i social media

Alcuni familiari delle vittime della sparatoria al gay club di Orlando – avvenuta il 12 giugno scorso – hanno citato in giudizio Twitter, Facebook e Google per aver fornito con le loro piattaforme “supporto materiale” alla propaganda Isis contribuendo così a radicalizzare l’autore della strage, Omar Mateen. Negli Usa i tribunali sono stati riluttanti a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.