Marchionne chiude un’era: addio all’auto di massa Fiat

Il domani - Il manager mette la cravatta per festeggiare l’azzeramento del debito. Fca non punterà più sulle macchine di fascia medio bassa che producono perdite
Marchionne chiude un’era: addio all’auto di massa Fiat

Sergio Marchionne ha celebrato ieri a Balocco la sua epopea. Questo è il suo ultimo piano industriale: dal 2019 non sarà più lui sulla tolda di comando del gruppo. E ha i suoi motivi, del resto, nel celebrarsi. Rilevò da amministratore delegato la vecchia Fiat nel 2004, quando era sull’orlo del collasso troppo piccola, piena […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.