Marchio e dirigenti: l’Anas degli sprechi va al massimo

Dopo 90 anni il capo della società delle strade ha deciso di rifare il logo: 170 mila euro. E, aggir il blocco delle assunzioni, ha preso un dirigente a 240 mila
Marchio e dirigenti: l’Anas degli sprechi va al massimo

Centosettantamila euro per il nuovo marchio dell’Anas. Lo spreco è evidente e non isolato perché in fatto di spese Gianni Vittorio Armani, amministratore e presidente dell’azienda pubblica delle strade, non ci va per il sottile. Negli stessi giorni in cui pagava la parcella alla ditta che ha ridisegnato il logo (Inarea, specializzata in brand identity), […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.