Manu Larcenet e la peggiore delle condanne: essere l’unico innocente fra i colpevoli

Un delitto senza ragione in un piccolo paese, dove tutti sono coinvolti
Manu Larcenet e la peggiore delle condanne: essere l’unico innocente fra i colpevoli

Èun sentimento che i sopravvissuti alla Shoah hanno spesso patito: l’angoscia di essere innocenti tra i colpevoli, sopravvissuti condannati per sempre a vivere in mezzo ai loro carnefici o ai loro taciti complici. Un dramma che viene ricostruito anche nel bel film Il labirinto del silenzio, di Giulio Ricciarelli, dove la Germania degli anni Sessanta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.