Mandarini contro la guerra: una lezione al mestiere delle armi

“Tangerines” del georgiano Urushadze: la guerra in Georgia nel 1991 e un mite contadino estone che si sottrae alle logiche della violenza
Mandarini contro la guerra: una lezione al mestiere delle armi

Perché esiste la guerra? Ovvero, perché facciamo la guerra? Stimato cineasta georgiano, Zaza Urushadze ha in merito idee facilmente condivisibili, che peraltro lo avvicinano all’Ermanno Olmi di Torneranno i prati o al croato Dalibor Matanic del piccolo caso, ancora in sala, Sole alto: “Inquietante pensare a quanto irresponsabilmente i politici scatenino guerre che finiscono per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.