Manca la luce: il tribunale chiude

Volevano combattere la ‘ndrangheta ma al Tribunale di Reggio Calabria ieri mattina, oltre alla carenza cronica dei magistrati, mancavano l’acqua e la luce. Black-out e palazzo di giustizia chiuso. I processi fissati sono saltati e le udienze rinviate a data da destinarsi. L’ufficio tecnico del Comune, proprietario del Cedir, ha spiegato che la mancata erogazione […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.