Maiorca cercava Dio negli abissi. E a volte l’ha trovato

L’uomo dei record se n’è andato ieri: il suo corpo è stato un miracolo e i miracoli l’hanno guidato nel trovare se stesso e la sua strada. A partire dal salvataggio di una cernia
Maiorca cercava Dio negli abissi. E a volte l’ha trovato

È morto ieri mattina all’alba. Il giorno si è annunciato con un anticipo di inverno siciliano, mite e illuminato. Una domenica irrorata da una strana pace, scelta dal buon Dio per il Requiem di Enzo Maiorca, mentre la città ha ancora le bignonie sul davanzale e il mare è azzurro e fermissimo oltre i tetti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.