Mai morti, Bebo Storti (ri)porta sul palco il passato che non passa

Al Teatro Cooperativa torna un classico scritto e diretto da Sarti nel 2000, dove un fascista della X Mas, pieno di alcol e pasticche, rilegge la storia del Paese secondo un filo nero mai sfilacciato
Mai morti, Bebo Storti (ri)porta sul palco il passato che non passa

Se uno spettro si aggira per l’Europa, ahinoi, è quello del fascismo, coi suoi codazzi vari – xenofobia, razzismo, nazionalismo, antisemitismo, autoritarismo –, tutti “mai morti”, anzi rifioriti e serpeggianti in seno alle destre di mezzo mondo. Mai Morti, non a caso, fu il nome di uno dei più cruenti battaglioni della Decima Mas, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.