Mafia, largo ai giovani: arrivano i baby boss

Nuove generazioni - Nella relazione della Dia la trasformazione dei clan: investono in hi-tech
Mafia, largo ai giovani: arrivano i baby boss

Boss anziani affiancati o addirittura sostituiti da giovani leve che puntano su imprese innovative e ad alto contenuto tecnologico. Quella che emerge dalla relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia è la mafia 2.0, il ricambio generazione di Cosa nostra, ’ndrangheta, camorra e criminalità organizzata pugliese. Baby boss che “investono capitali” in quei settori che “sino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.