Mafia di Ostia, i pm chiedono 100 anni di reclusione per i boss del clan Spada

Intimidazioni, terrore e gambizzazioni

Minaccee violenze, sfratti forzosi da alloggi popolari e una gambizzazione per affermare la “supremazia” del proprio clan sul territorio di Ostia e tutto con l’aggravante del metodo mafioso. Per queste accuse, i pm di Roma Ilaria Calò ed Eugenio Albamonte, hanno chiesto sette condanne per quasi cento anni di reclusione nei confronti di persone facenti […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.