» Cultura
sabato 21/10/2017

Ma siete sicuri che Don Milani fosse davvero un sovversivo?

La storica Vanessa Roghi analizza “Lettera a una professoressa”, divenuta manifesto politico di intere generazioni. E le restituisce il senso: “Non incita alla rivolta astratta, ma all’impegno individuale”
Ma siete sicuri che Don Milani fosse davvero un sovversivo?

Don Milani gode di un indiscusso “privilegio”: quello di essere costantemente destoricizzato, trasformato in correlativo oggettivo di una fase storica, anzi peggio, di un anno, il 1968. Il correlativo oggettivo ce l’ha spiegato nel 1919 Thomas Stearns Eliot cosa è: “Una serie di oggetti, una situazione, una catena di eventi pronta a trasformarsi nella formula […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Amori, gelosie, rivincite dei senior in cerca di gloria. Uomini, donne e una sola Maria

Cultura

“Il giorno in cui incontrai El Chapo” spaventa Sean Penn. Non Netflix

Il grande pesce siciliano non abbocca. Ma denuncia
Cultura
Il libro

Il grande pesce siciliano non abbocca. Ma denuncia

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×