M5S, li chiamavano già ministri. Il sogno infranto dei 17 professori

Dal “giuramento” del primo marzo alla trattativa fallita: due mesi nella squadra degli aspiranti
M5S, li chiamavano già ministri. Il sogno infranto dei 17 professori

Professori, quasi tutti, lo sono già. Ma anche gli altri andrebbero insigniti della laurea ad honorem in una particolare categoria di burnout. Titolari di cattedra in una patologia dello stress finora mai conclamata: la sindrome dell’aspirante ministro. Colpisce 17 uomini e donne che 67 giorni fa, agghindati in giacca, cravatta e tailleur, salivano sul palco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.