M come il #MeToo schivato. Abbecedario dello Strega ’18

Doveva essere l’edizione del “movimento”, ma le scrittrici hanno preso le distanze. E tra ospiti ai tavoli a digiuno di libri e di cibo “è andata come doveva andare”
M come il #MeToo schivato. Abbecedario dello Strega ’18

In medias res, o in media stat virtus: iniziamo dalla m, o meglio, dalla #m. Il 2018 doveva essere l’anno del #MeToo anche per il Premio Strega. Tre donne in cinquina. Cinque protagoniste dei libri finalisti. Il secondo classificato, Marco Balzano nel suo romanzo, Resto qui (Einaudi), ci ha messo anche una Mamma con la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.