L’uso propagandistico della paura

I buchi dell’intelligence - Dal Bataclan a Salah: perché tutti questi errori continui e ripetuti?
L’uso propagandistico della paura

Ma se davvero l’aeroporto internazionale di Bruxelles era considerato ad altissimo rischio attentati, come mai i controlli di sicurezza erano limitati ai soli varchi per l’imbarco, tipo uno scalo periferico qualunque, lasciando completamente scoperti gli ingressi aeroportuali e consentendo così ai terroristi di seminare, indisturbati, esplosivi in tutta l’area? E se le stazioni della metropolitana […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.