L’uomo più ricercato d’Europa ucciso per caso

“Sono calabrese” - Il killer di Berlino risponde agli agenti che lo hanno fermato in piena notte. Poi la sparatoria. Amri era arrivato in Italia giovedì. Forse contatti con ex detenuti
L’uomo più ricercato d’Europa ucciso per caso

Sono di Reggio Calabria”. Ore 3.08 di ieri, marciapiede davanti alla stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni. Sono queste le parole con cui Anis Amri, il terrorista di Berlino, si rivolge ai due agenti della volante che lo stanno controllando. Anis parla bene l’italiano ma si capisce che è straniero. Segue la perquisizione dello zainetto. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.