L’ultimo respiro: com’è difficile scappare dal prete

Il leader radicale e il mistero della conversione
L’ultimo respiro: com’è difficile scappare dal prete

Dinnanzi alla morte, l’ultima immane solitudine della vita, è difficile fuggire da Dio. Come annotò la scrittrice Flannery O’ Connor nei suoi diari: “Solo Dio è ateo”. Nel congedo di Marco Pannella indirizzato a papa Francesco c’è un dettaglio che eleva la fede oltre il muro anticlericale: “Ho preso in mano la croce che portava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.