L’ultimo nemico del Sultano è l’Osce: “Non immischiatevi”

Domani il referendum: chi sceglie Sì è per la svolta presidenziale voluta da Erdogan. Rottura fra il partito di maggioranza Akp e il repubblicano Chp, accusato di complicità con i golpisti
L’ultimo nemico del Sultano è l’Osce: “Non immischiatevi”

Alla vigilia del cruciale referendum che deciderà se la Turchia rimarrà una repubblica parlamentare o invece passerà al presidenzialismo, consegnando definitivamente al presidente Recep Tayyip Erdogan le chiavi del Paese, il clima è sempre più teso. Perché non è ancora certo che il Sì prevarrà sul No, anche se i sondaggi indicano una leggera prevalenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.