L’ultima traccia di Maëlys nell’auto dell’orco

Svolta nelle indagini - A 10 giorni dalla scomparsa della bambina, fermato un 34enne invitato alla festa
L’ultima traccia di Maëlys nell’auto dell’orco

Delle tracce di Dna trovate sul cruscotto di un’auto sono l’ultimo segno di vita di Maëlys. Tracce minuscole che però rapprentano una svolta importante nella vicenda della bimba di 9 anni scomparsa più di una settimana fa a Pont-de-Beauvoisin, un paesino sulle Alpi francesi, vicino a Chambéry. Maëlys è introvabile dalla notte di sabato 26 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.