Lucrezia-Celimene fa soffrire Alceste, l’abbonata e l’intero bar

All’Eliseo di Roma, nel foyer, per la serie “nuove forme espressive”, fino al 24 settembre il “Misantropo” di Molière con Lante della Rovere. Scritto e adattato da Francesco Fringipane
Lucrezia-Celimene fa soffrire Alceste, l’abbonata e l’intero bar

L’abbonata viene invitata ad accomodarsi al bar, al piano superiore. Lei, ligia alle regole del teatro, con sguardo infantile e cuore rigonfio di attesa, si avvia verso la scalinata. Comincia a salire i gradini ricoperti di moquette, mentre, con spirito d’avventura gira il capo a destra e sinistra. Da ogni lato, la sorpassano altri ospiti. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.