L’Ovidio impudico e sottovalutato dell’“Arte di amare” liberamente

Sotto la passione per la libertà erotica si cela la lotta del poeta contro gli ideali di restaurazione di Augusto
L’Ovidio impudico e sottovalutato dell’“Arte di amare” liberamente

Ovidio è il più grandioso cantore del mito che la poesia abbia: cantore, ricreatore, indagatore della sua essenza e struttura. Il suo Dioscuro è Gabriele D’Annunzio. Peligno il primo, fra peligno e marrucino il secondo: e sono i due più alti doni fatti all’arte dagli Abruzzi. All’arte e al pensiero, ché se Ovidio è un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.