Lotti e quelli che: “Se toccasse a me”

Ritenendo che l’Italia non possa sopravvivere senza il fondamentale ministro allo Sport, ieri il Senato ha votato la sfiducia a Luca Lotti, il tosco-renziano che, secondo i pm, faceva il palo (copyright sen. Augello) per amici e sodali in Consip. È andata così. Alla mozione di sfiducia letta da Taverna del M5S seguono le arringhe […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.