L’oscenità del potere nella Città di Dio (in preda ai senza Dio)

Dalla turpe figura di Cosimo Quorli, il furiere del Vaticano nella Roma del Seicento, luogo malfamato per eccellenza, all’Urbe di Mafia Capitale
L’oscenità del potere nella Città di Dio (in preda ai senza Dio)

Pubblichiamo il testo della lectio di Pietrangelo Buttafuoco su “Vanità e potere” letto alla Milanesiana 2016 La Città di Dio appartiene ai senza Dio. Tra le pareti di Santa Marta, nel palazzo dove Papa Francesco ha scelto per sé l’appartamento più modesto, c’è una lapide a ricordo delle virtù purissime di Cosimo Quorli, il furiere […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.