Lorde, il pop al di là del tormentone

Il nuovo album della giovane cantautrice neozelandese è la conferma del suo talento, ma anche del fatto che i grandi producer hanno puntato su di lei
Lorde, il pop al di là del tormentone

La pop music che ruolo ha? È fatta per rimanere una stagione o di più? È calcolo, intrattenimento, o può ambire a essere qualcosa di alt(r)o? Quando si parla di Lorde, teenager e critici prendono incredibilmente la stessa prospettiva: è un’artista, è brava, fa pop ma non è pop, è un talento vero, bisogna volerle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.