Lontanissimi eppure tra noi. I volti vittoriosi dei profughi

Fenomeno globale - Dall’Africa ai Balcani, le storie di chi tenta di entrare in Europa sono diventate le immagini più premiate
Lontanissimi eppure tra noi. I volti vittoriosi dei profughi

Sulla destra, in primo piano, una ragazzina siede assorta, la carne delle braccia, a chiazze, senza pelle. Le dita carbonizzate. È rimasta ferita in un bombardamento, ma è così normale, in Darfur, che siede lì come se niente fosse, sulla porta di casa, le spalle al muro, come in un pomeriggio d’estate, a sinistra, speculare, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.