Londra risponde al terrore. La città: “Non ci fermerete”

Nuove misure - Dopo i 12 arresti, il premier chiede interventi duri: revisione di strategia e legislazione antiterrorismo. E verso l’estremismo tolleranza zero
Londra risponde al terrore. La città: “Non ci fermerete”

Londra Al termine del briefing con ministri e vertici dell’intelligence e della polizia, Theresa May esce dalla sua residenza ufficiale a Downing Street e parla ad un Paese che ha subito tre attentati terroristici in tre mesi. Distingue fra Islam ed estremismo islamico, “ideologia malvagia” che del primo è una “perversione” e dichiara: “Non possiamo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.